News

agc-greencom.it: Covid,contaminazione cibi basse temperature. Ne parla l’esperto

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

La notizia di qualche giorno fa è che il Coronavirus è stato individuato in un gelato prodotto nella Cina orientale e  ritirato dal mercato.

Il problema dei virus che possono rimanere congelati a basse temperature e si possono poi ‘risvegliare’ era già stato paventato alcuni mesi fa da alcuni criobiologi (studiosi del funzionamento dell’organismo a basse temperature) e su importanti riviste scientifiche.

“In questo caso il virus e’ rimasto congelato nel gelato a causa della temperatura fredda ed e’ stato probabilmente trasferito da una persona che aveva la malattia e che ha concorso alla produzione” commenta intervistato dalla Agenzia DIRE il biologo Lodovico Parmegiani. 

“L’allarme lanciato dai criobiologi a tutti gli operatori che lavorano a basse temperature ed in particolare con l’azoto liquido- prosegue Parmegiani- è gia’ stato raccolto non solo in ambito alimentare, ma anche nel settore della fecondazione in vitro umana, dove i laboratori crioconservano gameti ed embrioni proprio utilizzando l’azoto liquido, la sostanza in cui si possono annidare virus e batteri. Molti autori stanno amplificando l’allarme e raccomandando di sterilizzare l’azoto liquido prima dell’uso”.

Parmegiani è stato fra i primi a lanciare in Italia l’allarme sulla possibilità  di contaminazione legata alla persistenza del Covid-19 virus congelato (o meglio vitrificato) a basse temperature, insieme al prof. Gabor Vajta, australiano pioniere della criobiologia.


Fonte: https://agc-greencom.it/2021/01/19/covidcontaminazione-cibi-basse-temperature-ne-parla-lesperto/

 

LEGAL OFFICES: Via Castiglione 7 - Palazzo Pepoli Campogrande Scala C 40124 - Bologna - ITALY
OPERATING OFFICES: Via M. D' Azeglio 57 - 40123 Bologna - ITALY
+39 - 0513547676
info@nterilizer.com

Certifications

Image
Image
Image
Copyright © 2022 |Nterilizer. All Rights Reserved. C.F. P.IVA 03656251208.